Editoriale
Il d-dimero (DD) è un sottoprodotto della degradazione della fibrina. I test per il dosaggio del DD utilizzano anticorpi che reagiscono con epitopi specifici. I risultati non uniformi nei diversi ospedali derivano dai dal fatto che i kit commerciali utilizzano anticorpi diversi. Dal punto di vista clinico, è intuibile come i livelli sierici di DD correlino con l'entità dell'attività trombolitica nel corpo umano. I campi clinici in cui il dosaggio del D-dimero trova applicazione come marker di malattia sono molteplici. Il dosaggio del DD è parte integrante della diagnosi di trombolismo venoso (TEV).
La fibrosi retroperitoneale (FRP) è una malattia rara caratterizzata da un processo infiammatorio cronico con deposito di tessuto fibrotico intorno all’ aorta addominale e alle arterie iliache.
Eventi tromboembolici, sia venosi che arteriosi, sono gravi manifestazioni che possono complicare il decorso clinico di una malattia infiammatoria intestinale (IBD).
L'opinione degli Esperti in tema di:
In questa sessione estiva la Linea Guida analizzata è:

Management of Chronic Venous Disease: Clinical Practice Guidelines of the European Society for Vascular Surgery (ESVS).
In primo piano
Archivio
Loading...
La Rivista
Numero 3-2016 Numero 2-2016 Numero 1-2016 Numero 3-2015 Numero 2-2015 Numero 1-2015 Numero 3-2014 Numero 2-2014 Numero 1-2014 Numero 3-2013 Numero 2-2013 Numero 1-2013 Numero 3-2012 Numero 2 - 2012 Numero 1 - 2012 Numero 3 2011 Nautilus - n. 2, 2011 Nautilus - n. 1, 2011 Nautilus - n. 3, 2010 Nautilus - n. 2, 2010 Nautilus - n. 1, 2010 Nautilus - n. 3, 2009 Nautilus - n. 2, 2009 Nautilus - n. 1, 2009 Nautilus - Supplemento n. 3, 2008 Nautilus - n. 3, 2008 Nautilus - n. 2, 2008 Nautilus - n. 1, 2008 Nautilus - Supplemento n. 2, 2007 Nautilus - n. 2, 2007 Nautilus - n. 1, 2007
Survey Nautilus
Come è noto i Disturbi Venosi Cronici (DVC) rappresentano un’insieme di patologie correlate di varia gravità dal forte impatto socioeconomico che colpiscono altissime percentuali di uomini e donne in un ampia fascia di età.

Gli studi epidemiologici sinora condotti in vari paesi del mondo, pur nella variabilità delle frequenze osservate, indicano come possibili fattori di rischio, la familiarità, l’età, l’obesità, il sesso femminile, le gravidanze, il prolungato ortostatismo.
Login